L’Austria non impone la riduzione del limite di velocità alle auto elettriche nei giorni di maggior inquinamento

L’Austria non impone la riduzione del limite di velocità alle auto elettriche nei giorni di maggior inquinamento. La Legge Austriaca, impone una riduzione di velocità sulle autostrade da 130 km/h a 100 km/h, nei giorni in cui il tasso di inquinamento viene supera i limiti previsti, perchè andando più piano, si emettono meno gas di scarico e quindi si inquina di meno. Questa norma non sarà valida per le auto elettriche, che attualmente in Austria sono 7.154. L’Austria vuole favorire la commercializzazione di auto elettriche e per far questo, l’auto elettrica gode di numerose agevolazioni. Non si paga la tassa di possesso, si scarica fiscalmente una parte dell’Iva, possono parcheggiare gratuitamente in tutti i parcheggi, possono accedere alle corsie riservate agli autobus e chiaramente non sono soggette alle limitazione del traffico antinquinamento

Annunci

Consumi Reali alla Pompa Toyota C-hr Hybrid Superstrada Extraurbano Urbano Percorso Pianeggiante Due Passeggeri

Consumi Reali. Continuo a documentare tutti voi che mi seguite, sui miei consumi, “reali”, da utente e possessore di una Toyota C-hr Hybrid. Non l’ho mai detto prima, ma io guido sempre in modalità NORMAL, perché a mio avviso è la migliore. Ieri sera, direzione Decathlon, due passeggeri e aria condizionata spenta, temperature esterna estrema di 23 gradi. 5 km di strada extraurbana e poi tutta superstrada e altri 3 km per arrivare alla Decathlon. Ho impiegato 21 minuti per fare 18 km, consumando 23,7 km/l.

sdr

Ritorno, due passeggeri, aria condizionata spenta, temperatura esterna 23 gradi. Stessa strada dell’andata, ma al contrario.  Ho impiegato 21 minuti per fare 19,5 km, con un consumo di 25,6 km/l

Consumi Reali alla Pompa Toyota C-hr Hybrid Extraurbano Urbano Percorsi Brevi Unico Passeggero Aria Condizionata Spenta

Consumi Reali. Continuo a documentare tutti voi che mi seguite, sui miei consumi, “reali”, da utente e possessore di una Toyota C-hr Hybrid. Non l’ho mai detto prima, ma io guido sempre in modalità NORMAL, perché a mio avviso è la migliore. Stamani Mattina, direzione Bientina, unico passeggero e aria condizionata spenta, temperature esterna 18 gradi. Tutta strada extraurbana e un po di strada urbana. Ho impiegato 18 minuti, per fare 14,4 km, consumando 25,7 km/l.

sdr

Ritorno, sempre unico passeggero, temperatura esterna 18 gradi, aria condizionata spenta. Stessa strada dell’andata, ma al contrario.  Ho impiegato 18 minuti, percorrendo 14,4 km, con un consumo di 24,5 km/l. Ho avuto un po più fretta di ieri sera, ma comunque ho avuto sempre degli ottimi consumi, in media ho consumato almeno 3 km/l in più per arrivare 7 minuti prima

Consumi Reali alla Pompa Toyota C-hr Hybrid Extraurbano Urbano Percorsi Brevi Unico Passeggero Aria Condizionata Spenta

Consumi Reali. Continuo a documentare tutti voi che mi seguite, sui miei consumi, “reali”, da utente e possessore di una Toyota C-hr Hybrid. Non l’ho mai detto prima, ma io guido sempre in modalità NORMAL, perché a mio avviso è la migliore. Ieri sera, direzione Bientina, unico passeggero e aria condizionata spenta, temperature esterna 23 gradi. Tutta strada extraurbana e un po di strada urbana. Ho impiegato 25 minuti, per fare 14,4 km, consumando 26,2 km/l.

sdr

Ritorno, sempre unico passeggero, temperatura esterna 17 gradi, aria condizionata spenta. Stessa strada dell’andata, ma al contrario.  Ho impiegato 25 minuti, percorrendo 14,4 km, con un consumo di 29,4 km/l

Consumi Reali alla Pompa Toyota C-hr Hybrid Superstrada Extraurbano Urbano Percorso Pianeggiante Due Passeggeri

Consumi Reali. Continuo a documentare tutti voi che mi seguite, sui miei consumi, “reali”, da utente e possessore di una Toyota C-hr Hybrid. Non l’ho mai detto prima, ma io guido sempre in modalità NORMAL, perché a mio avviso è la migliore. Ieri sera, direzione Livorno, due passeggeri e aria condizionata spenta, temperature esterna estrema di 18 gradi. 5 km di strada extraurbana e poi tutta superstrada e altri 3 km per arrivare in centro alla stazione. Ho impiegato 32 minuti per fare 38 km, consumando 23,3 km/l.

sdr

Ritorno, due passeggeri, aria condizionata spenta, temperatura esterna 21 gradi. Stessa strada dell’andata, ma al contrario.  Ho impiegato 33 minuti per fare 38,4 km, con un consumo di 22,6 km/l

Consumi Reali alla Pompa Toyota C-hr Hybrid Extraurbano Urbano Percorso Pianeggiante Unico Passeggero Percorso Breve

Consumi Reali. Continuo a documentare tutti voi che mi seguite, sui miei consumi, “reali”, da utente e possessore di una Toyota C-hr Hybrid. Non l’ho mai detto prima, ma io guido sempre in modalità NORMAL, perché a mio avviso è la migliore. Oggi pomeriggio, sono andato al supermercato, unico passeggero e aria condizionata spenta, temperature esterna estrema di 24 gradi. Tutta strada extraurbana e urbana con un semaforo, all’andata ho trovato verde, al ritorno ho trovato rosso, due rotonde da percorrere. Ho impiegato per l’andata 6 minuti per fare 3,2 km, consumando 40,4 km/l. Premetto che sono partito da casa con 6 tacche nella batteria.

sdr

Ritorno, unico passeggero, aria condizionata spento, temperatura esterna 24 gradi. Stessa strada dell’andata, ma al contrario fermando al semaforo rosso, come ho già premesso.  Ho impiegato 7 minuti per fare 3,4 km, con un consumo di 34,9 km/l. Sono andato piano, non perchè volevo andare piano, ma perchè era l’ora di punta in cui tutti stavano tornando a casa e c’era molto traffico.

dav

Sono arrivato a casa con solamente tre tacche, quindi praticamente sono andato per quasi tutto il tempo in elettrico. Sicuramente sosterrete che non è la situazione ottimale, visto che avere la batteria scarica, andrà ad influire sul prossimo viaggio, ma è anche vero che il traffico non mi permetteva di andare più forte, e sapete bene che è l’auto che decide se andare in elettrico o con il motore termico a seconda della nostra richiesta di potenza

Storico Consumi Reali alla Pompa Toyota C-hr Hybrid Storico Consumi Effettivi Consumi Storico Percorrenza

Consumi Reali. Stamattina ho fatto il pieno. Quindi posso tornare a parlare di consumi da pieno a pieno, consumi quindi reali e non teorici. Come potete vedere ho percorso 870 con l’ultimo pieno, 22,77 km/l è la percorrenza generale con questo pieno, la mia media di percorrenza, generale per i 23.694 percorsi da quando ho l’auto è intorno ai 20,77 km/l. In questo pieno ho percorso tragitti più lunghi, infatti questi hanno portato ad avere un consumo minore, perché si va ad ammortizzare il consumo iniziale che serve all’auto per scaldare il motore. Ho sicuramente percorso tratti di superstrada con velocità di 110 km/h. I restanti km percorsi, sono centri urbani, extraurbani, e tratti collinari. Purtroppo sui consumi influisce sempre il fatto che in molti occasioni percorro tratti brevissimi, i quali non aiutano. La mia percorrenza ottimale per riempire la batteria, ho notato che sono circa 6 km, dopo avrei un consumo ottimale, ma purtroppo non sempre coincidono con le mie abitudini generali. Soddisfattissimo dell’ibrido, lo ricomprerei domani, sia per i consumi, ma principalmente per il piacere di guida. Facendo un calcolo generale, ho percorso 23.694 km totali con 1161,39 litri di benzina. Il che mi da un consumo totale di vita dell’auto, di 20,77 km/l

Consumi Reali alla Pompa Toyota C-hr Hybrid Superstrada Extraurbano Urbano Percorso Collinare Due Passeggeri

Consumi Reali. Continuo a documentare tutti voi che mi seguite, sui miei consumi, “reali”, da utente e possessore di una Toyota C-hr Hybrid. Non l’ho mai detto prima, ma io guido sempre in modalità NORMAL, perché a mio avviso è la migliore. Stamattina, direzione Firenze, due passeggeri e aria condizionata spenta, temperature esterna estrema di 18 gradi. 5 km di strada extraurbana e poi tutta superstrada e altri 7 km per arrivare in centro alla stazione. Ho impiegato 58 minuti per fare 62,2 km, consumando 23,8 km/l.

sdr

Ritorno, due passeggeri, aria condizionata spenta, temperatura esterna 25 gradi, finestrino lato passeggero leggermente aperto. Stessa strada dell’andata, ma al contrario.  Ho impiegato 54 minuti per fare 62 km, con un consumo di 25,5 km/l

Immatricolazioni Auto Settembre 2018 Auto Gpl Auto Metano Auto Benzina Auto Diesel Auto Elettrico Auto Ibrido

Immatricolazioni Settembre 2018.  Le Ibride segnano un incremento del 30,1%, le auto ibride sono quelle che stanno segnando sicuramente i migliori incrementi di vendita, in quanto attualmente forse per il popolo medio rappresentano la miglior soluzione, ottimo rapporto qualità prezzo, minor manutenzione, risparmio sul carburante, e quindi di conseguenza minor inquinamento. Da segnalare un incremento delle auto elettriche, incremento del 28,2%. Un netto crollo di tutte le altre categorie  di auto vendute, le Auto a Gpl segnano un meno 24,2 %, Benzina segnano un meno 6,3% le auto Diesel segnano un meno 38,3 % le auto a Metano segnano un meno 62,7%

Le auto ibride più vendute sono state:

1 Toyota Yaris   2679
2 Toyota C-HR   1278
3 Toyota Rav4   702
4 Toyota Auris  482
5 Kia Niro       391

Le auto elettriche più vendute sono state:
1 Nissan Laef    170
2 Renault Zoe  102
3 Smart ForTwo 71
4 Tesla Model S 31
5 BMW I3 29

2030 data importante per l’europa che vuole un taglio del 40% delle emissioni di CO2

2030, è un anno molto importante per l’europa, che ha deciso di dare un taglio all’inquinamento da CO2 derivante dalle auto in circolazione. La CO2 è il principale gas che ha causato i cambiamenti climatici, ecco perché l’europa vuole proprio ridurre le sue emissioni. Per fare questo le nuove auto che verranno costruite non potranno emettere più di 95g di CO2 per chilometro a partire dal 2021. Gli obiettivi di riduzione solo del 15% entro il 2025, 30% entro il 2030. I nuovi testi di inquinamento saranno fatti su strada e non più su banco prima dell’uscita dalla fabbrica, quindi saranno più veritieri alla realtà. Per fare tutti questo l’europa, chiede che il 35% delle auto vendute siano auto elettriche o ibride. Per quanto mi riguarda, è sicuramente un bel progetto, molto ambizioso, vedremo se l’europa riuscirà a raggiungere tale obiettivo, anche perché dovrà incentivare la vendita auto elettriche, ed autore le case costruttrici di auto elettriche nel promuovere e vendere i nuovi autoveicoli. Tutto da verificare quali fonte energetiche verranno utilizzate per la produzione di così tanta richiesta di energia elettrica per ricaricare le auto elettriche, perchè se verranno realizzate nuove centrali inquinanti, non avremo risolto il problema, ma solo spostato il problema, da inquinare con l’auto, a inquinare con la centrale che serve a produrre la relativa energia necessaria. Se invece verranno utilizzate fonte rinnovabili, si, si andrà a ridurre l’inquinamento

Consumi Reali alla Pompa Toyota C-hr Hybrid Superstrada Strada Extraurbana Strada Urbana Percorsi Medi due Passeggeri

Consumi Reali. Continuo a documentare tutti voi che mi seguite, sui miei consumi, “reali”, da utente e possessore di una Toyota C-hr Hybrid. Non l’ho mai detto prima, ma io guido sempre in modalità NORMAL, perché a mio avviso è la migliore. Oggi pomeriggio, direzione Pietrasanta, due passeggeri e aria condizionata accesa, temperature esterna 24 gradi. In questo percorso c’è tutto, urbana, extraurbana, superstrada, e ho anche dovuto trovare parcheggio, quindi ho fatto qualche km a bassa velocità in cerca di esso. 30 km sono di superstrada, percorsi tra 90 e 100 km/h, il restante tra urbana e extraurbana. Ho impiegato 1 ora e 6 minuti, per fare 60,1 km, consumando 26,5 km/l.

sdr

Ritorno, sempre due passeggeri, temperatura esterna 20 gradi, aria condizionata accesa. Stessa strada dell’andata, ma al contrario. Ho impiegato 1 ora e 13 minuti, percorrendo 59,5 km, con un consumo di 27,5 km/l. I 7 minuti in più sono dovuti a rallentamenti e code varie trovate nel ritorno

Adesso vi spiego perché comprare un auto elettrica potrebbe cambiare il vostro modo di vivere e ridurre l’inquinamento

Vi state domandando se conviene o meno comprare un auto elettrica? Cercherò di spiegarvi quali sono i vantaggi di possedere un auto elettrica. Vi dirò subito che l’auto elettrica non ha impatto 0 sull’inquinamento globale, ma ha un certo impatto ambientale, dovuto principalmente al suo ciclo produttivo. Chiaramente si inquina per produrre le sue batterie, per estrarre le materie prime, per la catena di montaggio, per la produzione dei sui componenti, quindi la produzione inquina. Diversamente dalle macchine attuali con il motore tradizionale, la maggior parte dell’inquinamento dell’auto elettrica, avviene prima, per la sua realizzazione, e anche dopo per il suo smaltimento, ma durante il suo utilizzo, avrà inquinamento 0 per la circolazione, altra parte dell’inquinamento deriverà dalla produzione dell’energia elettrica per la sua ricarica, che sarà 0 in caso di utilizzo di fonti rinnovabili, avrà un certo impatto variabile a seconda di quali altri fonti per la produzione di energia elettrica si utilizzerà. Da studi fatti, arrivando ai numeri, ne deriva che, un attuale auto a motore a benzina o gasolio, ha un costo di percorrenza di 100 km che varia dai 24 euro ai circa 8, a seconda se l’auto è di grossa cilindrata o se si stratta di un’utilitaria. Per quanto riguarda l’auto elettrica si è calcolato un costo di percorrenza che varia a seconda della stazione di ricarica. Il costo è molto variabile, ma comunque vi riporto i numeri. Se ricaricate a casa vostra, con un tempo di ricarica necessario maggiore, anche di 12 ore, il costo varia dai 3 ai 6 euro. Se utilizzate le colonnine di ricarica superveloci che trovate sul territorio, il costo varia dai 5 ai 10 euro. Detto questo si può dire sicuramente che attualmente conviene utilizzare l’energia elettrica che risulta più economica rispetto al gasolio o la benzina. Vedremo cosa succederà quando tutti saremo possessori che auto elettriche, sicuramente sposteranno le attuali accise sui carburanti, anche sull’energia elettrica usata per ricaricare le auto. Se siamo dotati di un impianto fotovoltaico, sicuramente ci conviene l’auto elettrica, perché utilizzeremo la nostra energia per ricaricare l’auto, che non ha nessun costo, quindi il costo del nostro pieno di energia, sarà pari a 0. Altro motivo sono i vantaggi di cui godono le auto elettriche, possono circolare liberamente in zona ZTL, non pagano i parcheggi, possono circolare in centro storico e non sono soggette a blocchi del traffico. Usufruiscono di uno sconto tra il 30% e il 40% per la polizza auto, in quanto si registrano un numero molto inferiore di incidenti causati con auto elettriche. La manutenzione delle auto elettriche è molto minore rispetto ad un auto tradizionale, in quanto presenta molti meno componenti che si possono rompere, i motori elettrici sono più affidabili, non si surriscaldano come i motori a scoppio e quindi non necessitano di liquidi di raffreddamento o lubrificanti. Per ultimo, la guida di un auto elettrica è molto rilassante, perché non produce rumore, non si utilizza quasi mai il freno, se in casi di frenata brusca e di emergenza, le auto elettriche rilasciando l’acceleratore rigenerano energia elettrica e quindi decelerano da sole. Sono anche divertenti, perché la coppia del freno motore è immediata fin da quando si schiaccia l’acceleratore. Non so se vi ho convinto e dato dei buoni motivi per acquistare la vostra prima auto elettrica. Io ho fatto un passaggio intermedio, ho comprato un auto ibrida. Al momento non mi sono comprato un auto elettrica, prima di tutto il costo elevato degli attuali modelli in circolazione, ma presto, entro un paio di anni, credo che i prezzi caleranno di molto, visto i futuri modelli che saranno messi in circolazione. Il secondo motivo, è che in italia attualmente siamo indietro con le infrastrutture, non siamo ancora pronti. Il terzo e ultimo motivo, i tempi di ricarica, lunghi, che in caso di un lungo viaggio, allungano ancora i tempi di percorrenza. Ma sono convinto, che forse la mia prossima auto sarà elettrica